Friendly Print | Contatti  | RSS |  Mappa

Comitato interuniversitario

Base dati ed editoria in rete

Il Ciber -> Ciber 23 librarythings

PROGETTO CIBER 23 Library Things 2008-2010

L'idea del progetto Ciber 23 Library things nasce durante il seminario primaverile del 2008, quando Mary Joan Crowley ed Ezio Tarantino, propongono alla comunità CIBER l'utilizzo del tutorial 23 Learning 2.0 Things per l'iniziazione dei bibliotecari CIBER agli strumenti del Web 2.0 applicabili alla Library 2.0.

23 Learning 2.0 Things è un programma di autoapprendimento sviluppato da Helene Blowers presso la Public Library of Charlotte & Mecklenberg County27 e adottato e adattato da più di 250 biblioteche e organizzazioni. 
Il corso è diviso in 9 moduli per imparare a "maneggiare" una Library 2.0. Con questo metodo i partecipanti, assistiti da tutor, utilizzeranno un blog per i propri esercizi.
Quella effettuata fra i bibliotecari volontari di Ciber è stata la prima sperimentazione del programma di auto apprendimento in Italia.
I progressi dell'iniziativa sono stati riporati da Mary Joan Crowley, Ezio Tarantino ed i tutor del progetto Graziano Barca,  Vincenzo D'aguanno e Jula Papa durante il seminario Ciber di novembre 2008.
Mary Joan Crowley ha presentato per la prima volta agli esterni al Ciber il progetto formativo durante il workshop Web 2.0 and libraries, tenutosi a Roma il 6 marzo 2009.

Il progetto  introdotto sperimentalmente da CIBER-CASPUR in Italia, in un momento caratterizzata da considerevoli tagli di budget,  dà la possibilità di seguire un percorso formativo sull’utilizzo concreto delle tecnologie Web 2.0 mediante l'auto-apprendimento collaborativo, che azzera i costi di viaggio e soggiorno che un corso tradizionale avrebbe comportato.
Il programma di auto-apprendimento si articola su diversi strumenti di 2.0 come:  Media sharing (Youtube, Flickr, Slideshare) Podcasts, Wiki, Blog, Google API, Rss feeds, Facebook, Social Bookmarking (De.licious ecc.), Catalog sharing (Anobii, Librarything, ecc.). A tale scopo sono stati implementati e messi a disposizione dei partecipan ti al progetto un wiki come ambiente di lavoro del team ed un Blog su cui pubblicare i contenuti. Proprio l'implementazione e la gestione di un Blog da parte di ogni partecipante al progetto ha costituito una delle parti fondamentali del percorso di autoapprendimento. 
L'iniziativa è stata inoltre presentata da Mary Joan Crowley e da Vincenzo D'Aguanno  a marzo 2009 durante il Convegno delle Stelline.
I componenti del gruppo: Mary Joan Crowley, Ezio Tarantino, Graziano Barca, Jula Papa, Vincenzo D’Aguanno e gli studenti della biblioteca DISG dell’Università La Sapienza di Roma al termine del presente periodo di sperimentazione, hanno deciso di estendere il progetto a un numero crescente di università CIBER, fino a renderlo disponibile all'intera comunità bibliotecaria italiana.
Per maggiori informazioni sul programma, contattare i componenti del gruppo o scrivere a ciber-segreteria@caspur.it

 

Presentazioni dell'iniziativa: 

Ciber 23 Library Things [ppt]  Mary Joan Crowley e Ezio Tarantino
- Seminario Autunnale Ciber -  novembre 2008

Ciber 23 Libray Things   [ppt] Mary Joan Crowley - Workshop Web 2.0 and Libraries - 6 marzo 2009

Ciber 23 Library Things [ppt]  Mary Joan Crowley e Vincenzo D'Aguanno - Convegno delle Stelline - 13 marzo 2009

www.localroot.net